Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa in Italia

Mons. Carlo de Ferrari e Chiara Lubich: un libro sul discernimento del carisma

Libro Lucia Abignente su Chiara Lubich - RV

Libro Lucia Abignente su Chiara Lubich - RV

di Gabriella Ceraso

"E' nella comunione che un carisma si rivela autentico". Il concetto, tanto caro al magistero di Papa Francesco, è la conferma che risuona anche nel cuore e nella mente di Lucia Abignente parlando del suo ultimo libro dal titolo: "Qui c'è il dito di Dio. Chiara Lubich e Carlo de Ferrari: il discernimento di un carisma", per l'Editrice Città Nuova.

Sono pagine in cui l'autrice, da anni impegnata ad approfondire e promuovere la figura della fondatrice dei Focolari, torna a Trento, luogo natio dell'Opera di Maria (Movimento dei Focolari), in un periodo fondamentale e delicato, tra gli anni ’40 e ’60 del secolo scorso, per parlare di chi per primo, l'arcivescovo mons. Carlo de Ferrari, intuì "l'agire di Dio in quanto stava nascendo" dalla giovanissima Chiara Lubich. A lui, settanta anni fa, si deve la prima approvazione diocesana della nuova realtà ecclesiale e il suo accompagnamento, tra tante difficoltà e dolori, fino alla prima approvazione pontificia che arrivò solo nel 1962. 

"Siamo agli albori del Movimento", spiega Lucia Abignente, quando un piccolo gruppo di ragazze intorno a Chiara, inizia a diffondere quello che poi si sarebbe strutturato in carisma, ovvero il Vangelo vissuto alla luce del testamento di Gesù sulla croce: "Che tutti siano uno perchè il mondo creda". Le parole "unità", "amore scambievole" e la grande diffusione del loro modo di vivere "attirarono accuse e interrogativi sin dal '45 e poi più decisamente nel '48", tanto da rendere necessario l'intervento dell'arcivescovo Carlo de Ferrari.

"Una figura sempre all'ascolto dello Spirito Santo", rileva l'autrice, "sensibile all'agire di Dio nella storia". E' lui la figura centrale del libro, "fraintesa dagli storici o finora non giustamente considerata". "Fu lui, con il suo sguardo acuto e lungimirante", sottolinea ancora Lucia Abignente, a "capire la novità evangelica del Movimento dei Focolari e a difenderlo con sapienza, perseveranza e amore paterno negli anni, anche davanti al Sant'Uffizio e al Papa". Così ai nostri microfoni l'autrice racconta sia le difficoltà degli inizi sia lo sviluppo del Movimento dei Focolari, all'insegna dell'obbedienza alla Chiesa e della purezza della fede in Dio svelando una realtà di comunione profonda e vera, che è vitale tutt'oggi".

Ascolta e scarica il podcast con l'intervista integrale a Lucia Abignente: