Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Papa Francesco \ Incontri e Eventi

Al Comitato Sri Lanka, il Papa: una grazia per me visitare il vostro Paese

Il Papa accolto nello Sri Lanka nel 2015 - AP

Il Papa accolto nello Sri Lanka nel 2015 - AP

di Gabriella Ceraso

Un "caloroso benvenuto": è quello che il Papa ha riservato oggi nella Sala del Concistoro ad una cinquantina di fedeli provenienti dallo Sri Lanka, membri del Comitato Organizzatore della Visita Pastorale che il Pontefice stesso svolse nel Paese asiatico nel gennaio del 2015. Fu grande la festa in quell'occasione, preparata "con grande cura" in collaborazione con la Conferenza dei vescovi cattolici dello Sri Lanka.

"Sebbene desideri che i nostri visitatori si sentano a casa", sono state le parole del Papa, "non posso eguagliare i quaranta elefanti che mi hanno dato il saluto sulla strada dall’aeroporto alla città di Colombo!". Quello in Sri Lanka fu il settimo viaggio apostolico di Francesco, il secondo in Asia dopo quello compiuto in Repubblica di Corea, importante anche per il momento storico delicato attraversato dal Paese e che il Papa oggi ha ricordato:

"La possibilità di visitare il vostro Paese è stata una grazia speciale per me, nel momento in cui, dopo anni di conflitto e di sofferenza, il Paese lottava per la riconciliazione e la guarigione delle sue ferite. Sono stato profondamente commosso per il gran numero di vostri concittadini, di religioni e culture differenti, che sono venuti a salutarmi all’aeroporto e lungo la strada per Colombo, tanti ".

Francesco ha ripercorso quindi le diverse tappe di quei giorni: la "bellissima e toccante celebrazione della canonizzazione di San Joseph Vaz, il grande missionario della Perla dell’Oceano Indiano, sicuramente il momento più alto del tempo trascorso tra voi", e poi la "grande folla riunita in preghiera attorno al Santuario di Nostra Signora di Madhu, simbolo di protezione e riconciliazione in Sri Lanka".

Il grazie del Papa è andato quindi oggi in modo speciale al "lavoro assiduo" di ciascun membro del Comitato per la visita, un "lavoro", dice Francesco spesso "nascosto" e "costato tanto tempo e tante energie, che l’ha resa così fruttuosa":

"Ringrazio anche le vostre famiglie, che hanno fatto molti sacrifici e vi hanno incoraggiato nel vostro lavoro. La vostra presenza qui oggi ha portato qualcosa della fragrante atmosfera dello Sri Lanka nella nostra casa, e così ci fa ricordare le numerose grazie divine di cui insieme abbiamo fatto esperienza nel vostro Paese".

L'ultimo pensiero del Pontefice, prima della benedizione, è stato affidare l'intero popolo dello Sri Lanka e i suoi governanti all’intercessione di Nostra Signora di Madhu, il cui Santuario nel nord del Paese a maggioranza Tamil è il più frequentato.

Ascolta e scarica il servizio con la voce del Papa: