Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Vaticano \ Eventi

S. Sede all'Onu: protezione rifugiati non è concetto astratto

Rifugiati siriani - ANSA

Rifugiati siriani - ANSA

di Paolo Ondarza 

La protezione internazionale dei richiedenti asilo non deve essere un concetto astratto, ma un’azione dinamica finalizzata a salvaguardare la dignità e la sicurezza delle persone. Così l’Osservatore Permanente della Santa Sede presso l’Onu di Ginevra, l’’arcivescovo Ivan Jurkovič,  intervenuto in due occasioni sul tema,  gli scorsi 17 e 18 ottobre. No a politiche rigide o a procedimenti troppo lunghi nell’accettazione delle domande d’asilo: il presule spiega che meccanismi troppo farraginosi “mettono pericolosamente a rischio la sicurezza di chi necessita protezione”.
 
A tal scopo è necessario supportare i Paesi riceventi, con special riguardo a quelli in via di sviluppo, attraverso la condivisione di buone pratiche finalizzate all’adozione di procedure adeguate. “Non c’è dicotomia tra controllo delle frontiere e benessere dei rifugiati”, ha spiegato l’arcivescovo: “le due dimensioni vanno rafforzate reciprocamente”. La raccomandazione è ad adottare politiche nazionali di sicurezza inclusive che tutelino tanto la sicurezza dei cittadini quanto quella dei richiedenti asilo spesso in fuga da conflitti armati. “Un approccio orientato solo alla sicurezza ignora la tragedia delle persone in fuga”.
 
Le espulsioni arbitrarie e collettive non sono una soluzione”, ha rimarcato mons. Jurkovič raccomandando alla comunità internazionale una speciale sensibilità nei confronti dei bambini non accompagnati e delle loro famiglie. Parlando dei minori rifugiati il presule sottolinea come 3,5 milioni di loro non hanno avuto la possibilità di frequentare la scuola. “L’istruzione, primaria e secondaria, deve essere assicurata ed è importante – ha ammonito –  anche ai fini di una protezione dalle piaghe della tratta, del lavoro forzato e di altre forme di schiavitù”.
 
Fondamentale anche l’accesso all’assistenza sanitaria. La salute dei rifugiati ha infatti la stessa dignità di quella dei cittadini dei paesi ospitanti. Il presule ha smontato la paura e l’idea diffusa che i rifugiati possano veicolare malattie infettive e chiesto una loro piena inclusione nei sistemi sanitari nazionali. “La decisione di fuggire dalla propria terra da parte di tanti nostri fratelli e sorelle – ha concluso – scaturisce da paura e disperazione, ma anche dalla fiducia nella solidarietà e unità della famiglia umana”.