Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Italia

Scontro su Bankitalia. Settimane Sociali: mossa Pd irrituale

Il governatore Ignazio Visco - ANSA

Il governatore Ignazio Visco - ANSA

“Il governo non era semplicemente informato" della mozione dl Pd su Bankitalia "era d'accordo". Lo sostiene il leader dei Dem, Matteo Renzi. Dentro e fuori il partito però in molti sono in disaccordo con Renzi. Walter Veltroni ha definito  "incomprensibile ed ingiustificabile" la mozione del Pd. Romano Prodi ha preferito non commentare.

Fonti di Palazzo Chigi smentiscono le ricostruzioni di vario segno apparse oggi sui quotidiani in merito alla vicenda Bankitalia. Le stesse fonti sottolineano che sul tema della Banca d'Italia le decisioni del Presidente del Consiglio saranno basate sulle prerogative a lui attribuite dalla legge ed ispirate esclusivamente al criterio di salvaguardia dell'autonomia dell'Istituto.

Per Flavio Felice, componente del Comitato organizzatore delle Settimane Sociali, si tratta di "uno scontro pre-elettorale dove probabilmente il capo del Partito Democratico, Matteo Renzi, per non vedersi scavalcato dalle mozioni di sfiducia da parte dei Cinque Stelle, ha inteso proporne una che lo riposizioni comunque sul lato dei rottamatori. Trovo questo particolarmente irrituale, improprio, e proprio per una democrazia liberale anche inopportuno, dato il contesto politico nel quale viviamo - continua Felice - Il governatore della Banca d’Italia, noi sappiamo essere invece il prodotto di una scelta istituzionale. Renzi in questo modo ha partiticizzato quella che è una scelta istituzionale; risponde ad un criterio puramente partitocratico".

Ascolta e scarica e il podcast dell'intervista a Flavio Felice: