Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Americhe

Europarlamento: il Premio Sakharov all'opposizione venezuelana

Membri dell'opposizione democratica  - EPA

Membri dell'opposizione democratica - EPA

“La situazione in Venezuela è estremamente grave. In questo Paese dell’America latina, dove vivono molti europei e molte persone di origine europea, i diritti fondamentali sono negati. Le condizioni di vita del popolo venezuelano sono deteriorate e mancano cibo, acqua, medicinali. In questo momento leviamo la nostra voce per il rispetto della libertà e della democrazia per tutto il popolo venezuelano”. Lo ha affermato Antonio Tajani, presidente dell’Europarlamento, annunciando poco dopo le 12 nell’emiciclo dell’Europarlamento il vincitore del Premio Sacharov 2017, assegnato dall’assemblea dei capigruppo all’opposizione democratica del Venezuela.

Tajani - riporta l'agenzia Sir - ha parlato di “totale sostegno del Parlamento europeo all’Assemblea nazionale del Venezuela, l’unica Assemblea eletta democraticamente”. Nel breve discorso pronunciato annunciando il vincitore del Premio Sacharov, Tajani ha al contempo invocato una “transizione pacifica” per il Paese latinoamericano e l’istituzione di corridoi umanitari per portare aiuto alle popolazioni provate da fame e povertà. Oltre all’opposizione venezuelana, al Sacharov 2017 era stati indicati come finalisti anche Aura Lolita Chavez Ixcaquic, attivista per i diritti umani in Guatemala, e Dawit Isaak, giornalista, drammaturgo e scrittore svedese-eritreo, arrestato nel 2001 e del quale non si hanno più notizie certe da anni. Rappresentanti di Chavez Ixcaquic e Isaak sono stati invitati alla cerimonia di assegnazione del Sacharov, che avverrà a Strasburgo a dicembre.