Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Italia

Italia. Dossier immigrati: inconsistente timore di una “invasione islamica”

Scuola per migranti - ANSA

Scuola per migranti - ANSA

La stima della presenza straniera regolare in Italia è di 5.359.000 persone mentre gli italiani all’estero sono 5.383.199 secondo le anagrafi consolari (aumentati di oltre 150mila unità rispetto al 2015). È il dato complessivo che emerge dal Dossier statistico 2017, curato dal Centro Studi e ricerche Idos e, per il terzo anno consecutivo, con il Centro Studi Confronti e con il sostegno dei fondi dell’otto per mille della Chiesa valdese – Unione delle Chiese metodiste e valdesi, che è stato presentato questa mattina a Roma.

Significativo - riporta l'agenzia Sir - il paragrafo sull’andamento demografico e l’immigrazione: nel 2016, tra i cittadini italiani le morti sono prevalse sulle nascite di 204.675 unità (tendenza in corso da diversi anni). La “compensazione” è stata in parte assicurata grazie alle nascite da genitori stranieri (69.379, il 14,7% del totale). Insomma, secondo le previsioni demografiche dell’Istat, nell’arco dell’intero periodo 2011-2065, la dinamica naturale sarà negativa per 11,5 milioni (28,5 milioni di nascite e 40 milioni di decessi) e quella migratoria sarà positiva per 12 milioni (17,9 milioni di ingressi e 5,9 milioni di uscite). Pertanto, complessivamente, la popolazione residente non diminuirà e si assesterà sui 61,3 milioni, ma sarà molto diversa la sua composizione: l’incidenza degli ultra 65enni sfiorerà il 33%, si ridurranno i minori e le classi di popolazione in età lavorativa, aumenterà l’incidenza degli stranieri

Nel Dossier presentato oggi a Roma, colpisce la crescente consistenza del pluralismo religioso: la Moschea di Roma Monte Antenne è la più grande d’Europa, così come lo sono il Centro Culturale Ikeda per la Pace di Milano della comunità buddhista, inaugurato nel 2016, e il Tempio di Settebagni, alle porte di Roma, della comunità mormone (Chiesa di Gesù e dei Santi degli ultimi giorni).

Dai primi anni del 2000 persiste la netta prevalenza dei cristiani (53,0%), tra i quali gli ortodossi sono i più numerosi, seguiti dai cattolici e dai protestanti (rispettivamente circa 1,5 milioni, quasi 1 milione e più di 250.000 tra protestanti e altre comunità cristiane). La rilevante incidenza dei musulmani, pari a un terzo dell’intera presenza straniera (1,6 milioni di persone), non giustifica il timore di un’invasione e l’atteggiamento conto l’Islam.

È discreta la presenza di fedeli di religioni orientali (tra gli altri, induisti 150.800 e 3,0% del totale, buddhisti 113.900 e 2,3%), senza contare i gruppi religiosi minori e gli atei. Sono diffuse le iniziative di dialogo ecumenico e interreligioso, da considerare efficaci per arginare il terrorismo e favorire l’inserimento, tenuto conto che tutte le comunità religiose, con la rete dei loro luoghi di culto, sono anche promotrici di attività sociali e culturali funzionali all’inserimento.

Per un commento sui dati del Dossier statistico 2017 Fabio Colagrande ha sentito Ugo Melchionda, presidente del Centro studi e ricerche Idos.

Ascolta e scarica il podcast dell'intervista a Melchionda