Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Americhe

Porto Rico: preoccupazione dell'ONU per i diritti umani

Ancora disastrosa la situazione a Puerto Rico - REUTERS

Ancora disastrosa la situazione a Puerto Rico - REUTERS

Ad un mese dall'uragano “Maria”, che ha devastato l’isola, a  Puerto Rico mancano ancora risposte adeguate alla situazione di emergenza che si sta vivendo.  E’ questo l’appello lanciato da un gruppo di esperti di diritti umani dell’ONU.

 “L’uragano – hanno sottolineato – ha peggiorato la situazione già molto precaria del paese, a causa del debito e delle misure di austerità adottate in precedenza. Adesso i suoi 3.5 milioni di abitanti sono ancora più a rischio.” Attualmente l’80% della popolazione, vive senza elettricità. Funzionano pochi ospedali, e anche l’acqua potrebbe essere contaminata, e non più utilizzabile. E con l’arrivo prossimo dell’inverno, la situazione potrebbe diventare altamente a rischio, soprattutto per i soggetti fragili, come donne, bambini, persone anziane e per coloro che sono rimasti senza una casa.

“Già prima dell’arrivo dell’uragano Maria – sottolinea Juan Pablo Bohoslavsky esperto dell’Onu per i diritti umani – la popolazione di Puerto Rico a causa della crisi finanziaria e politica, non aveva diritti sulla salute, l’alimentazione, l’educazione scolastica e la sicurezza”.

E proprio a causa di queste difficoltà gli esperti richiedono che l’aiuto al paese debba essere maggiore di quello dato ad altre zone degli Stati Uniti colpite dallo stesso uragano.  

“Questo uragano – spiega Hilal Elver relatore speciale sul diritto all'alimentazione – ha distrutto totalmente novanta mila case, lasciando tante persone ancor di più vulnerabili. Questa gente ha bisogno di case con elettricità ed acqua potabile, e cure sanitarie”.  

La richiesta degli esperti è anche quella di una ricostruzione che abbia degli accorgimenti adeguati per evitare futuri disastri, in modo che le persone vivano sicure nelle loro comunità. Urgente è inoltre alleggerire il debito per l'isola, che ha presentato bancarotta nel maggio 2017. Il tribunale federale di San Juan ha iniziato le audizioni per la ristrutturazione del debito pubblico più grande nella storia statunitense.