Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Italia

Immigrazione: a Salerno sbarca nave con 26 donne morte

Salerno - salme migranti - ANSA

Salerno - salme migranti - ANSA

di Cecilia Seppia

Orrore nel porto di Salerno dove questa mattina è attraccata la nave militare spagnola “Cantabria” con a bordo circa 400 migranti, soccorsi nel Mediterraneo, e 26 cadaveri di donne, tutte annegate durante la traversata su un gommone di fortuna. Ad attendere le salme sul Molo, la Protezione Civile, la Caritas, le associazioni di volontariato e anche i carri funebri che nelle prossime ore, coordinati dal Comune campano, trasporteranno i corpi in alcuni cimiteri della Provincia. Sulla nave anche 21 bambini, tra i cinque e gli otto anni, e altre 116 donne, di cui nove in avanzato stato di gravidanza, bisognose di cure mediche.

“Una tragedia dell'umanità” - dice il prefetto di Salerno, Salvatore Malfi - certo che la Procura si attiverà da subito per valutare se possa trattarsi di omicidio e far partire le indagini anche procedendo contro ignoti.

Sul versante libico invece, la Guardia costiera è riuscita a mettere in salvo 151 migranti alla deriva che viaggiavano a bordo di due gommoni con l’intenzione di raggiungere le coste europee. I profughi per lo più provenienti da Senegal, Bangladesh ed Egitto sono stati trasferiti prima in una base navale, poi in un campo di accoglienza. Dal canto loro le autorità turche hanno fermato 310 migranti, la maggior parte siriani, che erano a bordo di un’imbarcazione nel Mar Egeo con l’obiettivo di raggiungere le coste greche.

Un altro grande sbarco, il terzo in pochi giorni, sta per interessare il porto di Crotone che si prepara all’arrivo della nave “Open Arms”, con a bordo 378 migranti. La prefettura di Crotone ha reso noto che l’arrivo è previsto per le ore 7 di domani. La stessa prefettura, che ha già allertato tutte le istituzioni interessate, coordinerà le procedure per il primo soccorso, poi dopo l’identificazione, i migranti saranno trasferiti e ripartiti tra  Lombardia, Lazio, Veneto, Toscana, Puglia, Liguria, Marche e Molise.