Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Vaticano \ Eventi

Mons. Becciu in Malaysia: Chiesa incoraggia costruzione della pace

Mons. Angelo Becciu

Mons. Angelo Becciu

di Roberto Piermarini

Il Sostituto della Segreteria di Stato vaticana mons. Angelo Becciu si è recato in Malaysia per l’inaugurazione della nuova sede della nunziatura apostolica a Kuala Lumpur. Presenti il card. Anthony Soter Fernandez e il vescovo Sebastian Francis, presidente della Conferenza episcopale e il vice ministro degli Esteri, in rappresentanza del Primo Ministro e dei membri del Governo federale malese. Mons. Becciu ha portato i saluti del Papa al Sultano Muhammad V, il Yang di-Pertuan Agong XV.

Nel suo indirizzo di saluto il presule ha esordito dicendo che la nuova nunziatura è un segno della missione internazionale della Santa Sede e della sua sollecitudine per la comunità cattolica in Malaysia, come per il bene di tutto il popolo del Paese. "Il nostro incontro - ha detto - ci ricorda l’importanza sia delle relazioni diplomatiche che dei valori religiosi per la costruzione dell’armonia e della pace nella famiglia umana".

L’attività della Chiesa nella comunità internazionale è un canale che incoraggia la costruzione della pace - ha osservato mons. Becciu - attraverso la promozione del dialogo e della mutua comprensione, del rispetto per la dignità e i diritti della persona umana e nell’impegno per lo sviluppo e il progresso umano integrale e la nunziatura apostolica permette che le premure, le preoccupazioni e le necessità delle comunità e delle Chiese locali possano essere condivise con il Papa e della Chiesa spaziando dalla preoccupazione pratica per i poveri, all’aiuto nella sanità e nell’istruzione, all’arricchimento culturale, intellettuale e spirituale della società. "Mentre rispetta la diversificazione delle competenze che si trovano nella sfera sociale, culturale ed economica, la Chiesa cerca di offrire visioni e valori utili nel promuovere la libertà, la giustizia e la pace all’interno della famiglia delle Nazioni".

"La Santa Sede - ha proseguito il Sostituto - guarda con rispetto alla ricca diversità dell’eredità culturale e religiosa del popolo della Malaysia. Come in altri Paesi con comunità multiculturali, tale diversità – piuttosto che un ostacolo alla solidarietà – può diventare uno stimolo positivo per un dialogo più intenso e per la reciproca comprensione. La costituzione federale della Malaysia, mentre esprime l’importanza dell’Islam per l’identità nazionale, ha sancito i valori dell’eguaglianza e della libertà di religione. Questi fondamentali diritti umani sono delle pietre miliari perché venga assicurata l’armonia e l’amicizia tra genti di costumi e tradizioni differenti".

A conclusione del suo intervento mons. Becciu ha ricordato "l’impegno della Chiesa nell’educazione dei giovani che si pone al servizio, non solo della locale comunità cattolica, ma rappresenta anche un contributo al più vasto bene della società della Malaysia. Una solida formazione incoraggerà quella cultura dell’incontro che privilegia il dialogo, la mutua comprensione e la solidarietà come via della pace".