Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa in Italia

Commento di don Sanfilippo al Vangelo della I Domenica d'Avvento

"Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà" - RV

"Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà" - RV

Nella prima Domenica di avvento la liturgia ci propone il Vangelo (Mc 13, 33-37) in cui Gesù invita a vegliare:

Dal Vangelo secondo Marco
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».

Su questo brano evangelico ascoltiamo una breve riflessione di don Gianvito Sanfilippo, presbitero della diocesi di Roma:

Questa prima parte dell’Avvento c’invita a prepararci alla venuta finale del Signore, la cosiddetta Parusia. Cristo la inaugura per ognuno di noi di fatto nel giorno della nostra morte, rinominato dai cristiani "Dies natalis", il giorno della nascita definitiva al cielo. Questo tempo ci esorta a contemplare le “cose ultime” che ci riguardano, quelle più importanti perché ineludibili: la morte, il Giudizio che ne seguirà, il premio del Paradiso e il rischio della condanna eterna. La parola chiave utilizzata dall’evangelista per superare con successo questi “esami finali” è vigilanza: siamo esortati a non dormire, a stare svegli! È una forma di reattività, di prontezza dell’anima per saper interpretare il linguaggio misterioso con cui Dio ci parla quotidianamente nei fatti che ci accadono, e per agire con la forza e la libertà di chi può amare. Quest’attitudine propriamente cristiana è frutto dell’ascolto della parola, della preghiera continua, della catechesi e della vita sacramentale. Prendere alla leggera questa esortazione equivale ad “addormentarsi dentro”, senza più percepire la presenza di Dio, rischiando l’insensibilità e la noia spirituale, fino all’avversione a Dio. Nell’Avvento, Cristo ci viene incontro con affetto e benevolenza per rigenerarci, rinnoviamo ogni giorno l’invocazione: "Vieni Signore Gesù!".