Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Società \ Cultura e arte

Impegno di Scholas Occurrentes contro il disagio giovanile

Logo di Scholas Occurrentes - OSS_ROM

Logo di Scholas Occurrentes - OSS_ROM

di Amedeo Lomonaco

Discriminazione sociale, bullismo e disoccupazione giovanile. Sono stati questi i temi al centro del progetto Scholas cittadinanza, che si è concluso ieri a Napoli. Si tratta di un programma, per la formazione degli studenti delle scuole superiori, che mira a promuovere la partecipazione e l'impegno dei ragazzi. L’iniziativa è curata dalla fondazione Scholas Occurrentes, organizzazione internazionale di diritto pontificio eretta e creata da Papa Francesco nel 2013. Il progetto è sviluppato in varie città italiane, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Discriminazione, bullismo e cyberbullismo
Durante il programma, i ragazzi hanno evidenziato in particolare che, tra le cause principali della discriminazione, ci sono l’aspetto fisico, l’identità sessuale e la nazionalità. Per gli studenti, inoltre, il bullismo si basa su tre presupposti: intenzionalità, persistenza nel tempo, asimmetria nella relazione. Per quanto riguarda l’altro preoccupante fenomeno del cyberbullismo, si è sottolineato che è soprattutto l’anonimato ad alimentare la violenza verbale.

Disoccupazione giovanile
Riflettendo sulla disoccupazione giovanile, piaga che colpisce in particolare la Campania, gli studenti hanno ricordato alcune delle cause di questo fenomeno:  la dispersione scolastica e gli interessi criminali che influenzano drammaticamente il contesto sociale ed economico.

La rete di Scholas
La Fondazione Scholas Occurrentes è presente in 190 Paesi con una rete che comprende oltre 446 mila scuole e strutture educative di tutte le confessioni religiose, sia pubbliche sia private. Il suo obiettivo è quello di promuovere la cultura dell’incontro per la pace attraverso l'educazione. Questo movimento studentesco mondiale ha preso il via in Argentina, quando Jorge Mario Bergoglio era arcivescovo della Città di Buenos Aires.