Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Home / Chiesa

Ai primi Vespri di Avvento, il Papa parla ai giovani universitari


“La liturgia, vissuta nel suo vero spirito, è sempre la scuola fondamentale” per farvi diventare “pietre vive nella costruzione della Chiesa e collaboratori della nuova evangelizzazione”. Così Benedetto XVI agli universitari degli Atenei romani e delle Università Pontificie durante la celebrazione, sabato sera, dei primi Vespri della prima domenica di Avvento. Il servizio di Amedeo Lomonaco:RealAudioMP3

Agli universitari Benedetto XVI indica l’itinerario di fede dell’Anno liturgico:

“Celebrando e vivendo con tutta la Chiesa questo itinerario di fede, sperimenterete che Gesù Cristo è l’unico Signore del cosmo e della storia, senza il quale ogni costruzione umana rischia di vanificarsi nel nulla”.

“Nell’Eucaristia il Dio vivente si rende così vicino da farsi cibo che sostiene il cammino”. Viviamo però in un contesto – ricorda il Papa rivolgendosi agli universitari romani – “in cui spesso incontriamo l’indifferenza verso Dio”.

“Ma penso che nel profondo di quanti - anche tra i vostri coetanei - vivono la lontananza da Dio, ci sia una interiore nostalgia di infinito, di trascendenza”.

Agli universitari affida quindi una missione:

“A voi il compito di testimoniare nelle aule universitarie il Dio vicino, che si manifesta anche nella ricerca della verità, anima di ogni impegno intellettuale”.

Dio è vicino all’uomo. “Gli occhi di Dio – afferma Benedetto XVI - sono aperti su di noi” perché il Signore “è fedele al suo amore”. E’ questa la certezza – aggiunge il Papa - che può condurre l’umanità, anche in questo delicato momento storico, verso “traguardi di pace e prosperità”. Il Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe “non ha mai abbandonato il suo popolo”. E’ stato sempre il “Dio vicino” e il suo “amore fedele verso l’umanità” – spiega il Santo Padre - è “senza calcolo né misura”:

“Dio non si è chiuso nel suo Cielo, ma si è chinato sulle vicende dell’uomo: un mistero grande che giunge a superare ogni possibile attesa”.

“Dio entra nel tempo dell’uomo nel modo più impensato”:

“Facendosi bambino e percorrendo le tappe della vita umana, affinché tutta la nostra esistenza, spirito, anima e corpo - come ci ha ricordato san Paolo - possa conservarsi irreprensibile ed essere elevata alle altezze di Dio”.

Benedetto XVI esorta infine tutta la comunità accademica di Roma a riflettere sulla fede. “La fede – sottolinea il Papa – è la porta che Dio apre nella nostra vita per condurci all’incontro con Cristo”:

“La fede cristiana non è adesione ad un dio generico o indefinito, ma al Dio vivo che in Gesù Cristo, Verbo fatto carne, è entrato nella nostra storia e si è rivelato come il Redentore dell’uomo. Credere significa affidare la propria vita a Colui che solo può darle pienezza nel tempo e aprirla ad una speranza oltre il tempo”.

E tantissimi universitari hanno gremito ieri sera la basilica di San Pietro per ascoltare le parole del pontefice. Ascoltiamo alcune testimonianze raccolte da Marina Tomarro:RealAudioMP3

R. - Sicuramente è un giorno di grande commozione quello dell’incontro col Papa. Per noi è un giorno non comune - avviene una volta l’anno - e quindi non possiamo certo mancare ad un avvenimento così unico.

R. - Avendo già partecipato negli anni precedenti e avendo vissuto un’esperienza molto bella, ho voluto ripetere questa stessa esperienza anche quest’anno per vivere più serenamente anche il periodo dell’Avvento.

R. - Sono tante le emozioni, soprattutto quella di venire e partecipare con tutti i giovani. E’ una celebrazione molto speciale per la preparazione della venuta del Signore Gesù. Ci colpisce moltissimo! E’ una celebrazione molto bella!

D. - C’è un passaggio all’interno dell’omelia del Santo Padre che ti ha colpito particolarmente e che ricorderai?

R. - Sicuramente le sue parole di unione per tutti noi i giovani, quando ha ricordato l’incontro che ci sarà a Rio de Janeiro: importante è essere uniti per la fede.

R. - Mi ha colpito molto l’aspetto dell’essere noi testimoni, dell’essere coloro che incarnano nella vita quotidiana quel Dio che si è fatto vicino all’uomo.

R. - Di essere noi giovani i primi a portare avanti la nostra fede, soprattutto in quest’anno che è l’Anno della Fede, senza mai tirarci indietro. L’invito poi rivolto dal Santo Padre a partecipare alla Giornata mondiale della gioventù.

R. - Tutto il discorso è stato commovente. Certo, quando ci ha chiesto di continuare ad avere speranza e ad avere fiducia, quello sì è stato veramente emozionante.