Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:
Radio Vaticana

Home / Chiesa

Centrafrica: abusi sui civili da parte di ribelli e governativi


I ribelli in Centrafrica sospendono l’offensiva verso la capitale Bangui e accettano di partecipare ai negoziati di pace in programma l’8 gennaio in Gabon. Secondo le Nazioni Unite sono circa 316mila le persone che vivono nelle aree colpite dagli attacchi dei ribelli e altre 700mila che vivono nella capitale rischiano l’escalation dei combattimenti. Le associazioni per i diritti umani della Repubblica Centrafricana hanno accusato il governo e i ribelli di aver commesso abusi e violenze nei confronti della popolazione. Al microfono di Alessandro Filippelli, padre Aurelio Gazzera, missionario carmelitano che opera nel Nord del Paese:RealAudioMP3

R. – Io sono a Bouzoum, una città a 400 km dalla capitale. C’è molta tensione nell’aria, anche perché è una situazione che Bouzoum ha vissuto dieci anni fa – nel 2002-2003 – proprio in questo periodo. E quindi c’è un po’ il terrore che questa crisi diventi cronica e si allarghi anche al resto del Paese: gran parte del territorio è sempre stata, una volta o l’altra, preda di movimenti ribelli, poi più o meno ammansiti con dialoghi, proposte, promesse. Poi, però, la situazione non è che sia migliorata di tanto, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti come la sanità e l’educazione.

D. – I ribelli hanno annunciato uno stop all’avanzata verso Bangui. Ma cosa rischia realmente il Paese?

R. – Il problema è che rischi di diventare cronica, nel senso che non riuscendo ad avere uno sbocco rapido su Bangui, facciano un po’ come l’altra volta che pian piano prendono il resto del Paese e quindi poi praticamente la capitale rimane un’isola affamata, perché gran parte della produzione alimentare viene da fuori della capitale, quindi dal Nord, dal Centro.