Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:
Radio Vaticana

Home / Chiesa

Celebrate in San Pietro le esequie del cardinale Cheli: una vita secondo le Beatitudini evangeliche


Celebrate ieri pomeriggio nella Basilica di San Pietro le esequie del cardinale Giovanni Cheli, presidente emerito del Pontificio Consiglio per i migranti e gli itineranti, spentosi venerdì a Roma all’età di 94 anni. A presiedere la cerimonia, il cardinale Angelo Sodano, decano del Collegio cardinalizio, a nome del Papa che in un messaggio alla diocesi di Asti ha ricordato il porporato come “pastore fedele al Vangelo e alla Chiesa” che ha speso la vita "nell’adesione coerente e generosa alla propria vocazione". Il servizio di Eugenio Bonanata:RealAudioMP3

Le Beatitudini evangeliche sono state "le stelle ispiratrici della sua lunga esistenza": è in questo solco che bisogna ricercare la testimonianza e il messaggio del cardinale Cheli: è quanto ha affermato nella sua omelia il cardinale Sodano, che ha ricordato, tra l’altro, il servizio del porporato in favore dei sofferenti in tempo di guerra. Nella diocesi di Asti, dove fu ordinato sacerdote, - ha precisato - “è rimasto famoso per la sua opera di carità, nel 1945, alla fine della seconda guerra mondiale, allorquando con il compianto vescovo mons. Umberto Rossi, organizzò la Pontificia Opera di Assistenza”. Con particolare ardore – ha aggiunto il cardinale Sodano – “si prodigò per aiutare i prigionieri di guerra, che malati e sbandati ritornavano in patria”. Ha quindi ricordato i tanti viaggi che fece con alcuni vecchi camions a Pescantina, in provincia di Verona, dove arrivavano i primi treni dal Brennero "per vedere di accogliere e trasportare a casa coloro che tanto avevano sofferto!”. Quest’impegno di carità, di pace e di riconciliazione tra i popoli - ha aggiunto - è proseguito anche nel lavoro in nunziatura, tanto in Guatemala come in Spagna ed in Italia. “Fu così – ha concluso il cardinale Sodano - anche nel suo lungo servizio alla Santa Sede nella Segreteria di Stato, a New York presso le Nazioni Unite, ed infine nuovamente qui a Roma al servizio dei migranti”.

Ultimo aggiornamento: 10 febbraio 2013