Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Home / Udienze ed Angelus

Mons. Lahham: no all'attacco in Siria, prevalga la ragione


In occasione dell'importante incontro tra il Papa e il Re di Giordania, in un momento così delicato per tutto il Medio Oriente, Alessandro Gisotti ha intervistato l'arcivescovo Maroun Lahham, vicario patriarcale per la Giordania del Patriarcato latino di Gerusalemme:RealAudioMP3

R. – La Giordania è un Paese che ispira pace, anche se ha paura di quello che si sta preparando. Speriamo che non capiti. Penso che la visita del Re al Pontefice sia un’occasione prima di tutto per parlare della pace in Terra Santa e in Giordania, ma specialmente in Siria, con tutte le minacce che stiamo sentendo. Per quello che sta accadendo, la Giordania, nonostante sia un piccolo Paese, gioca un ruolo importante per la pace siriana. Speriamo che questi "grandi" arrivino alla pace, invece di fare la guerra, e trovino una soluzione pacifica. E speriamo che la Giordania possa giocare un ruolo positivo, unendosi alla posizione della Santa Sede.

D. – Ovviamente c’è una speranza di pace, mentre si parla di questo intervento militare...

R. – Mamma mia, è tremendo! Sì, abbiamo veramente paura!

D. – Paura che si estenda poi ad una situazione già così drammatica e complicata...

R. – Assolutamente, perché la violenza genera sempre violenza. E a questo interesse da parte degli Stati Uniti o dell’Europa per i diritti dell’uomo o per la difesa dei più deboli nessuno crede. Nessuno lo crede! Tutti cercano i loro interessi politici ed economici. Siccome nessuno crede, dunque, alla loro buona volontà, non vogliamo che questa volontà di guerra sia applicata in Siria. Speriamo che la voce della ragione, e per noi della fede, prevalga e che la crisi siriana trovi una soluzione politica.