Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Home / Cultura e Società

Preoccupazione per il testo "Standard sull'educazione sessuale in Europa"


Sta facendo discutere il documento “Standard per l’educazione sessuale in Europa”, avviato dall’Ufficio Regionale per l’Europa dell’Oms, l'Organizzazione Mondiale della Sanità, e realizzato dal Centro Federale per l’Educazione alla Salute (BZgA) di Colonia, da diffondere presso i ministeri dell’Istruzione e della Salute in Europa. Dopo un’impostazione generale, nel testo si illustra come l’educazione sessuale vada insegnata ai bambini a seconda delle diverse fasce d’età: da 0 a 4 anni, da 4 a 6, da 6 a 9, da 9 a 12, da 12 a 15 e dai 15 in su. Preoccupazione è stata espressa da diverse associazioni fra cui la Fondazione Novae Terrae che si occupa di diritti umani. Debora Donnini ha intervistato il direttore generale di Novae Terrae, Luca Volonté:RealAudioMP3

R. – Quello che ci ha colpito è che, appunto, un’idea ispiratrice di questo documento era già ricompresa in molti scritti dei grandi maestri dell’ideologia di gender ed anche nei Principi di Yogyakarta. E la cosa più sconvolgente è che questi Principi siano diventati la base di un documento, che riporta dettagliatamente come, a loro avviso, l’educazione sessuale dovrebbe rispondere a standard equilibrati, sempre secondo la loro opinione. Questi standard sono molti preoccupanti, perché prevedono un’ipersessualizzazione, e cioè l’introduzione del bambino ad un ‘abuso’ della sessualità del proprio corpo fin dalla giovanissima età, cioè da 0 a 4 anni.

D. – Emerge praticamente che, per esempio, ai bambini da 0 a 4 anni è consigliata la “masturbazione infantile precoce” e che i bambini da 4 a 6 anni dovranno essere istruiti sull’amore e sulle relazioni con persone dello stesso sesso. E’ così?

R. – E’ esattamente così. Purtroppo queste sono due delle previsioni di questo documento. Dobbiamo renderci conto di cosa voglia dire una precoce masturbazione da 0 a 4 anni. Questa esplorazione della sessualità per un bambino di quattro anni, come per qualsiasi ragazzo non completamente formato, può significare anche quello che sta accadendo per esempio in Olanda, e cioè che i propri genitori, quando un bambino rientra nella propria abitazione con problemi creati da lezioni scolastiche di questo tipo, possano chiedere – come fanno appunto molti nei Paesi Bassi – una terapia ormonale per bloccare la sessualità del maschio o della femmina, del bambino o della bambina, grazie a questi medicinali chimici. Poi c’è l’informazione ai bambini dai 4 ai 6 anni sulle relazioni con persone dello stesso sesso e anche informazioni, sempre dai 4 ai 6 anni, sulle forme nuove di relazione e le differenti idee sul concetto di famiglia.

D. – Dai 6 ai 9 anni, invece, i maestri sono esortati ad istruire sui cambiamenti del corpo - come mestruazioni, eiaculazione, variabilità individuali nel corso dello sviluppo - offrendo tra l’altro nozioni sui diversi metodi contraccettivi. Poi, dai 9 ai 12 anni, i bambini dovranno essere istruiti sui rischi e le conseguenze delle esperienze sessuali non protette, ovvero sulle malattie sessualmente trasmissibili e le ‘gravidanze indesiderate’...

R. – Dai 9 ai 12 anni si tratta di dare informazioni sull’orientamento sessuale, ma anche capire la differenza che esiste tra l’orientamento di genere e sesso biologico; produrre informazioni sui diritti sessuali definiti dall’IPPF, che è notoriamente una delle più grandi fondazioni internazionali, che appunto definisce tra i diritti sessuali anche il diritto all’aborto.