Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:
Radio Vaticana

Home / Chiesa

Beatificazione a Paderborn di Madre Maria Teresa Bonzel, una vita spesa per i più deboli


In Germania, la diocesi di Paderborn è stata in festa ieri, per la beatificazione di Madre Maria Teresa Bonzel, fondatrice delle Povere Suore Francescane dell’Adorazione Perpetua. Una vita, la sua, spesa a servizio dei più deboli: dei poveri, degli ammalati e soprattutto degli orfani. A rappresentare il Santo Padre a Padeborn, il card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Il servizio di Roberta Barbi:RealAudioMP3

Al secolo si chiamava Regina Cristina Guglielmina, ma per tutti, affettuosamente, era “Aline”. Il suo nome cambiò di nuovo in Maria Teresa quando a 20 anni e con il parere contrario dei genitori decise di entrare nel Terz’Ordine francescano: come il Poverello d’Assisi, anche lei veniva da una famiglia ricca, ma era attraverso l’assistenza ai poveri che il Signore la chiamava a sé. Una vocazione, la sua, nata presto, ma che poté realizzarsi solo in età adulta e per questo, a Paderborn, la sua Beatificazione è ancora più festeggiata, come sottolinea il card. Angelo Amato:

“La beatificazione di Madre Maria Teresa Bonzel è un dono della Divina Provvidenza alla diocesi, ma anche alle Suore e alla stessa città di Paderborn. La nuova Beata mostra che la parola di Gesù ha trovato in lei un cuore atto a far fruttificare l'eroismo della carità e della santità”.

A 33 anni il vescovo della città le consentì di dar vita a un Istituto religioso che adottasse la Regola francescana e così nacquero le Povere Suore francescane dell’Adorazione, congregazione della quale Madre Maria Teresa fu superiora generale fino alla morte, avvenuta nel 1905. Il primo “monastero” delle religiose era una camera in affitto, poi, grazie al coraggio e al carisma della nuova Beata, si unirono molte altre donne che iniziarono a ospitare orfani, nel segno della carità, come ricorda ancora il cardinale Amato:

“Lo spirito di preghiera era proprio caratteristico della nostra Beata, così come, ovviamente, la sua carità. In modo particolare la sua spiritualità era caratterizzata dall'abbandono alla Divina Provvidenza, soprattutto nelle prove e nelle malattie. La sua devozione eucaristica era esemplare e spesso la si vedeva in ginocchio nel coretto della cappella in adorazione. La sua carità materna si estendeva ai bambini in collegio e anche fuori; inoltre, si preoccupava che dopo il collegio ciascuno dei ragazzi trovasse un buon posto e fosse alloggiato presso una buona famiglia”.

Madre Maria Teresa era una luce di speranza per gli orfani e i malati di cui si occupava; giorno dopo giorno accoglieva in modo così naturale la Grazia Divina che come una manna benefica sostenta i nostri propositi di bene, mostrando che la santità può essere di tutti, come spiega il cardinale Amato:

“La Beata Maria Teresa Bonzel ci ricorda che la santità non è un privilegio per pochi, ma il traguardo di tutti i battezzati, dal momento che il Battesimo infonde in tutti le virtù soprannaturali della fede, della speranza e della carità, che consentono di crescere e maturare nella perfezione cristiana”.

Al momento della sua morte in Germania erano attive 870 suore in 71 case, ma la congregazione si era già spinta oltreoceano: in America lavoravano 700 religiose in 42 strutture. Oggi, nel mondo, le Povere Suore Francescane dell’Adorazione Perpetua sono presenti anche in Brasile e nelle Filippine. Su di loro veglia la nuova Beata, sepolta nell’antico mausoleo di Olpe e a loro, ma anche a tutti noi, va il suo insegnamento speciale di donazione totale di sé e di risposta all’odio con l’amore e con il bene che diffonde gioia e pace, come ci illustra il cardinale Amato:

“Alle Suore ella ricorda che il fine della consacrazione religiosa è la santificazione attraverso i consigli evangelici. Anche a noi rivolge un invito alla santità. Papa Francesco, nella scorsa solennità di Tutti i Santi, ci ha detto: «I Santi non sono superuomini, né sono nati perfetti. Sono come noi. E allora che cosa ha cambiato la loro vita? Quando hanno conosciuto l'amore di Dio, i Santi lo hanno seguito con tutto il cuore, senza condizioni e senza ipocrisia»”.

Ultimo aggiornamento: 11 novembre