Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:
Radio Vaticana

Home / Politica

Elezioni in Cile, favorita l’ex presidente Bachelet


Domenica di voto in Cile, dove i cittadini sono chiamati a scegliere il nuovo presidente. La grande favorita è Michelle Bachelet, alla guida della coalizione di centro-sinistra e già presidente fra il 2006 e il 2010. Staccata di diversi punti nei sondaggi Evelyn Matthei, candidata del fronte conservatore e ministro del lavoro del governo uscente del presidente Sebastian Pinera. Il servizio di Marco Guerra:RealAudioMP3

Forte del buon ricordo lasciato dalle politiche sociali varate durante la presidenza 2006 -2010, Michelle Bachelet, secondo i sondaggi, si presenta con oltre 10 punti di vantaggio alla guida di un centro-sinistra che unisce democratici cristiani, socialisti, socialdemocratici e comunisti. Al centro del suo programma vi è la modifica della Costituzione, per rinnovare le istituzioni politiche, e l’abbattimento delle forti iniquità sociali, che persistono malgrado il Paese presenti tassi di crescita fra i più elevati dell’America Latina. In questo quadro il centro-destra conta di arrivare almeno al ballottaggio con Evelyn Matthei, esponente di spicco del governo del presidente uscente Sebastian Pinera. I conservatori pagano le spaccature interne e l'avanzata nei consensi del populista Franco Parisi, vero out-sider della contesa, che potrebbe superare anche la Mathhei e arrivare secondo. I candidati presidenziali sono in tutto nove, fra cui spicca anche Marco Enriquez Ominami, del Partito Progressista. Gli elettori sono chiamati anche a rinnovare la Camera e una parte del Senato. La vera incognita del voto è l'affluenza, dopo l'entrata in vigore della legge che non prevede più la registrazione degli elettori. Anche i vescovi hanno fatto un appello a non disertare le urne.